Gli obiettivi di sviluppo del Millennio (UNDP)

Nel 2000, gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno definito otto Obiettivi di sviluppo del Millennio da realizzare entro il 2015:

  • dimezzare la povertà e la fame nel mondo;
  • assicurare a tutti l'istruzione elementare universale;
  • eliminare le disparità fra i sessi;
  • ridurre di due terzi la mortalità infantile;
  • ridurre di tre quarti la mortalità materna;
  • arginare la diffusione di HIV/AIDS, malaria e altre malattie;
  • assicurare la sostenibilità ambientale;
  • creare un partenariato globale per lo sviluppo.

La Svizzera e gli Obiettivi di sviluppo del Millennio

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio sono il principale punto di riferimento per la riduzione della povertà a livello mondiale. Il direttore della DSC Martin Dahinden illustra il ruolo che questi Obiettivi hanno giocato nel contesto della cooperazione allo sviluppo dal 2000 a oggi e quale sarà il loro ruolo dopo il 2015.

Fonte: Sito DSC > Strategia > Gli obiettivi di sviluppo del Millennio

Successi...

Dapprima il lato positivo: negli anni passati sono stati compiuti importanti progressi nella riduzione della povertà a livello mondiale, nella formazione di base, nella parificazione dei sessi in seno alla scuola primaria e nell'accesso all'acqua potabile. Ed è proprio in questi ambiti che la Svizzera ha contribuito in misura determinante ai successi conseguiti sul piano internazionale. Il suo impegno in favore dello sviluppo delle aree rurali e dell'agricoltura nonché della promozione dell'economia nei Paesi partner è finalizzato alla riduzione della povertà e consente a molte persone di lasciare alle proprie spalle una vita piena di stenti. La Svizzera ha fornito preziosi contributi per il raggiungimento degli obiettivi OSM anche nel settore dell'acqua: grazie ai programmi svizzeri si stima che ogni anno 370'000 persone possano accedere più facilmente all'acqua potabile e beneficiare di una migliore igiene sanitaria, mentre sono circa 30'000 le persone all'anno che possono disporre di sistemi di irrigazione più avanzati.

... e fallimenti

Il bilancio complessivo della comunità internazionale verso il raggiungimento degli otto obiettivi per il Millennio si presenta tuttavia in chiaroscuro: gli sviluppi positivi registrati fino al 2007 sono in parte stati vanificati dagli effetti della crisi economica e finanziaria del 2008 e 2009. Per ridurre della metà la povertà e la fame rispetto al 1990 - che è l'obiettivo principale dichiarato - rimane ancora molto da fare. Infatti, circa 1,4 miliardi di persone vivono tuttora in situazioni di estrema povertà.

Verso il futuro con gli OSM

La Svizzera continuerà a impegnarsi ed a partecipare agli sforzi internazionali per raggiungere gli OSM, ad esempio rafforzando il suo impegno nei Paesi partner per la creazione e l'ampliamento di servizi sanitari nell'intento di ridurre ulteriormente il numero di bambini e madri che muoiono a causa della povertà. Al tempo stesso affronta in maniera ancora più mirata le impellenti sfide globali riguardanti la sicurezza alimentare, i cambiamenti climatici, l'acqua e la migrazione. Attraverso specifici programmi globali, la Svizzera contribuisce a un miglior approvvigionamento di generi alimentari nei Paesi poveri, a una maggiore sostenibilità ecologica e garanzia della biodiversità, a una migliore gestione dell'acqua nonché alla massimizzazione degli aspetti positivi della migrazione per lo sviluppo.

Gli Obiettivi di sviluppo per il Millennio rimarranno nei prossimi anni un importante e utile quadro di riferimento anche per la Svizzera. Il fatto che nei rimanenti cinque anni non sarà verosimilmente più possibile raggiungere tutti gli obiettivi, non deve essere motivo di scoraggiamento, ma - al contrario - deve servirci da sprone ad aumentare in modo decisivo i nostri sforzi.

E dopo il 2015?


Queste nostre intenzioni conserveranno ovviamente la loro attualità anche dopo il 2015. Gli attuali OSM sono un prezioso strumento di monitoraggio, in quanto evidenziano come gli effetti o i sintomi della povertà nei singoli Paesi si modificano a livello regionale e globale. In caso di un’eventuale futura discussione per la definizione di nuovi obiettivi internazionali, la Svizzera si adopererà affinché la loro formulazione obiettivi sia maggiormente focalizzata sulle cause della povertà, che includono i conflitti, la fragilità degli Stati, l’esclusione sociale, la prestazione economica carente, l’insufficiente mobilitazione di mezzi propri da parte delle persone facoltose nei Paesi poveri, la scarsa qualità dell’azione governativa, gli insufficienti investimenti nella formazione e nella salute ecc.

In questo senso, anche in futuro la Svizzera collaborerà attivamente a trovare soluzioni coordinate a livello internazionale.

© 2019 Giovismondo - giovani_visioni_mondo - by Meraviglioso.ch
Supporto
Non sai come fare? Non funziona qualcosa? Hai dei problemi tecnici? Spiegami nei dettagli cosa stavi facendo e quali eventuali messaggi di errori hai ricevuto. Puoi anche allegarmi un printscreen se può essere utile.
Aggiungi file